CRÍTICA DE UN GRAN Joan LIuìs Montané
a Lecchi Marino






Marino Lecchi: geometria, cosmo, armonia e dinamica



MARINO Lecchi studia il cosmo dal proprio punto di vista globale, da un interesse
pittorico per i colori caldi, ricercando l'impronta della plasticità nella complessità,
cercando di superare il visibile.


Strutture geometriche, piani, prospettive aeree dominano tutta la composizione insieme
a segmenti, colori sfumati e sovrapposti per ottenere un effetto di tridimensionalità, di
profondità, aumentando e potenziando la visione pragmatica della miriade di realtà
esistenti.


Le sue opere si caratterizzano per la varietà di angolazioni ed inquadrature che
conferiscono allo spettatore una sensazione di plasticità. Studia i punti di luce,
sperimenta posizioni diverse con angolazioni diverse, per illuminare e far conoscere gli aspetti della sua opera che più gli stanno a cuore, magnificandone l'effetto enigmatico,
ricercando la parzialità della visione nella precisione della messa a fuoco, elemento
fondamentale per definire i segmenti della composizione inquadrata.

Le voci dei popoli indigeni centroamericani e delle avanguardie storiche europee
riecheggiano nelle sue opere con un timbro più moderno, partendo dal filo energetico
che attraversa la storia per addentrarsi nel futuro, senza rinunciare alla bellezza della
classicità, concedendosi lo studio della fenomenologia dei criteri matematici.

Le sue opere danno all'apparenza un aspetto più enigmatico ed esaltano la perfezione
dell'armonia e della bellezza presenti tanto nel macro quanto nel micro universo,
ricordandoci che la bellezza è immortale: fa parte della scienza e dell'arte, è arte e
scienza allo stesso tempo.

Joan Liuìs Montané

AICA (associazione Internazionale Critici d'Arte)











“Le ragioni di una ricerca”


Premesso che, diversamente da quello che d’acchito tutti definisco la mia pittura ” astrazione informale” essa è e vuole essere “ALTRO”.

La mia ricerca creativa parte dalla consapevolezza di una condizione umana, che la meccanica quantistica, afferma essere tutt’altro che reale, per come noi intendiamo genericamente il reale, per andare oltre la stessa M.Q.
Perché a questo punto la M.Q. diventa anch’essa una frazione, infinitesimale, di una “realtà ultima” che io ho definito “L'INFINITO REALE”

Perché “infinito reale?”

Perché tutti gli altri infiniti che la storia umana, fino ad ora, ha tentato di delineare non rappresentano la “REALTA'ULTIMA”.

“L’infinito reale” che ho delineato nei miei appunti, è la più estrema frontiera del “conoscitivo” al quale si è pervenuti, con rigore e altissima plausibilità, non dimentichi dell’impossibilità di una certezza.

Le mie opere sono e cercano di essere l’espressione estetica di questa ricerca e di questo approdo “all’infinito reale”.
E in esse vi è la risposta da carpire, andando oltre la banale verosimiglianza con l’informale astratto.

Ricerca quindi di un “codice” estetico espressivo, che sintetizzi una “REALTA’ ULTIMA” ma anche “realtà umana nuova”.

Perché una “NUOVA VISIONE” che vuole estetizzarsi, necessita di un
alto sforzo di ricerca e di trasposizione di concetti.

Da un “INFINITO REALE”, teorizzato, ad un contesto pittorico, fatto di supporti, forme e colori, che cerca di decodificarne il senso intimo.

Cioè come e cosa è “L’INFINITO REALE ?”.

Ovviamente spero che qualcuno veda ,non solo con gli occhi, capisca e mi aiuti a realizzarla
Si tratta solo di decodificarne i contenuti rivoluzionari perché si schiuda nei suoi pronunciamenti e sviluppi futuri.

Lecchi Marino


Views: 12

Comment

You need to be a member of Traveling within the World to add comments!

Join Traveling within the World

Birthdays

Birthdays Today

Birthdays Tomorrow

Important (read & understand)

How to Contact us:Preferred Contact point

Skype: Travelingraggyman

 

Email and Instant Messenger:

TravelerinBDFSM @ aol/aim;  hotmail; identi.ca; live & yahoo

OR

Travelingraggyman @ gmail and icq ***

***

Find us on Google+

Please vote for Our Site. You can vote once a day. Thank you for your support. just click on the badge below
Photobucket

OUR MOST RECENT  AWARD


1AWARD UPDATES & INFORMATION
10,000 votes - Platinum Award
5,000 votes - Gold Award
2,500 votes - Silver Award
1,000 votes - Bronze Award
300 votes - Pewter Award
100 votes - Copper Award


Member of the Associated  Posting System {APS}

This allows members on various sites to share information between sites and by providing a by line with the original source it credits the author with the creation.

Legal Disclaimer

***************We here at Traveling within the World are not responsible for anything posted by individual members. While the actions of one member do not reflect the intentions of the entire social network or the Network Creator, we do ask that you use good judgment when posting. If something is considered to be inappropriate it will be removed

 

This site is strictly an artist operational fan publication, no copyright infringement intended

Patchwork Merchant Mercenaries had its humble beginnings as an idea of a few artisans and craftsmen who enjoy performing with live steel fighting. As well as a patchwork quilt tent canvas. Most had prior military experience hence the name.

 

Patchwork Merchant Mercenaries.

 

Vendertainers that brought many things to a show and are know for helping out where ever they can.

As well as being a place where the older hand made items could be found made by them and enjoyed by all.

We expanded over the years to become well known at what we do. Now we represent over 100 artisans and craftsman that are well known in their venues and some just starting out. Some of their works have been premiered in TV, stage and movies on a regular basis.

Specializing in Medieval, Goth , Stage Film, BDFSM and Practitioner.

Patchwork Merchant Mercenaries a Dept of, Ask For IT was started by artists and former military veterans, and sword fighters, representing over 100 artisans, one who made his living traveling from fair to festival vending medieval wares. The majority of his customers are re-enactors, SCAdians and the like, looking to build their kit with period clothing, feast gear, adornments, etc.

Likewise, it is typical for these history-lovers to peruse the tent (aka mobile store front) and, upon finding something that pleases the eye, ask "Is this period?"

A deceitful query!! This is not a yes or no question. One must have a damn good understanding of European history (at least) from the fall of Rome to the mid-1600's to properly answer. Taking into account, also, the culture in which the querent is dressed is vitally important. You see, though it may be well within medieval period, it would be strange to see a Viking wearing a Caftan...or is it?

After a festival's time of answering weighty questions such as these, I'd sleep like a log! Only a mad man could possibly remember the place and time for each piece of kitchen ware, weaponry, cloth, and chain within a span of 1,000 years!! Surely there must be an easier way, a place where he could post all this knowledge...

Traveling Within The World is meant to be such a place. A place for all of these artists to keep in touch and directly interact with their fellow geeks and re-enactment hobbyists, their clientele.

© 2019   Created by Rev. Allen M. Drago ~ Traveler.   Powered by

Badges  |  Report an Issue  |  Terms of Service